LESIONE DEL TENDINE D’ACHILLE

Cosa s’intende per lesione al tendine d’Achille?     

Il tendine d’Achille è una banda di tessuto che congiunge il calcagno al muscolo del polpaccio.

Le lesioni a carico del tendine possono essere delle infiammazioni o addirittura delle lacerazioni.

Per tendinite s’intende uno stato d’infiammazione del tendine. L’infiammazione causa dolore nella parte posteriore della gamba, a livello del tallone. Per lacerazione invece s’intende la rottura del tendine: anch’essa causa dolore a livello del tallone.

Come può succedere?

La tendinite può essere causata da:

  • Eccessivo utilizzo del tendine d’Achille
  • Muscolo del polpaccio corto
  • Tendine d’Achille corto
  • Eccessivi sforzi (corse) in salita
  • Incremento dell’intensità di allenamento, a volte su terreni sconnessi, e uso di scarpe da corsa poco “ammortizzate”
  • Iper-pronazione del piede: durante la camminata o la corsa il piede ruota verso l’interno più del normale
  • Utilizzo di scarpe col tacco alto al lavoro e scarpe basse per fare sport

Il tendine d’Achille si può rompere durante esercizi che comportano sforzi rapidi. Per esempio saltando o facendo scatti di corsa.

Quali sono i sintomi? 

La tendinite causa dolore e a volte gonfiore a livello del tendine d’Achille. Il tendine è dolente e tumefatto. Si avverte dolore quando ci si solleva sulle punte dei piedi e quando si allunga il tendine.

La mobilità della caviglia è limitata. Quando il tendine si rompe si avverte un schiocco. Quando la lacerazione è completa non si è più in grado di sollevare il tallone o caricare sulle dita del piede.

Come viene diagnosticata?

Il medico esamina la gamba, verificando le zone di dolore e la presenza di gonfiore. Osserva il piede durante la camminata o la corsa per vedere se c’è iper-pronazione.

Come si cura?

  • Mettere del ghiaccio sul tendine d’Achille per 20-30 minuti ogni 3-4 ore per 2 o 3 giorni finché non sparisce il dolore.
  • Quando si è sdraiati si deve tener sollevata la parte inferiore della gamba mettendo sotto un cuscino.
  • Prendere i medicinali anti-infiammatori prescritti
  • Se viene prescritto un cuscinetto da mettere nella scarpa, sotto il tallone, lo si deve utilizzare anche dopo la guarigione del tendine. Il cuscinetto evita lo stiramento eccessivo del tendine d’Achille.
  • Durante la fase di riabilitazione si deve praticare un altro sport, o attività, che non faccia peggiorare la situazione. Per esempio si può nuotare al posto di correre.
  • Si devono eseguire gli esercizi si allungamento e rinforzo del tendine consigliati dal terapista.
  • Se si tratta di un problema di iper-pronazione del piede, il medico prescriverà un plantare su misura, chiamato orthotics,  da inserire nelle calzature in modo da rendere il piede più stabile.
  • In casi di tendinite grave si deve immobilizzare il piede per 6-10 settimane.

Quando potrò tornare alle attività abituali e a praticare sport?

Lo scopo della riabilitazione è quello di ritornare a praticare sport o altre attività abituali prima possibile, ma in tutta sicurezza. Se è troppo presto si rischia di peggiorare la situazione e questo potrebbe portare ad una lesione permanente. Ognuno di noi ha tempi di recupero diversi.

La rapidità con cui si ritorna alle normali attività dipende da come il ginocchio guarisce e non dai giorni o dalle settimane passate dopo la lesione. In genere più è lungo l’intervallo tra l’insorgenza dei sintomi e l’inizio della terapia e più sarà lento il recupero. Potrai tornare a praticare il tuo sport in sicurezza quando, partendo dall’alto verso il basso, risponderai con un “sì” alle seguenti affermazioni:

  • La mobilità della gamba malata è pari a quella della gamba sana
  • Riesci ad allungare la gamba malata come quella  sana
  • Riesci a correre diritto senza dolore o senza zoppicare
  • Sai fare gli scatti senza avvertire dolore o zoppicare
  • Sei capace di flettere il piede a 45 gradi, prima lentamente e poi a velocità normale
  • Sei capace di flettere il piede a 90 gradi, prima lentamente e poi a velocità normale
  • Puoi saltare con entrambe le gambe senza avvertire dolore. Puoi saltare solo con la gamba malata senza dolore.

Come si può prevenire l’infiammazione del tendine d’Achille?

La migliore prevenzione è fare stretching dei muscoli del polpaccio e del tendine d’Achille prima di fare sport.
Se hai il tendine d’Achille e i muscoli del polpaccio corti devi fare stretching 2 volte al giorno, anche se non pratichi sport.
Se hai la tendenza alla tendinite evita di correre tanto in salita.

Back